Cronaca e sensazioni di una pedalata nata da una frase di Rosanna:
E... se quest'anno andassimo a Roma in bicicletta!!
Protagonisti dell'avventura Rosanna e Gianni di Gaglianico (Bi)




     Martedì 6 Giugno - I Tappa da Gaglianico a Pavia
     Alle 09:00 siamo pronti a partire, una foto scattata dalla nipote Simona immortala l'inizio dell'impresa.
     Pedaliamo sulla Trossi, il traffico è scorrevole, un po' di vento fastidioso ma cielo sereno.
     Sulle prime sembra la solita pedalata poi, dopo Massazza un senso di piacere e di libertà si fa strada, ci scambiamo ridendo la sensazione.
     Attraversiamo Vercelli, superiamo il Fiume Sesia, a Palestro diamo un'occhiata al monumento che celebra la famosa battaglia e ci dirigiamo a Robbio Lomellina, dove ci fermiamo per il pranzo al sacco presso la bella Chiesetta; i giardinetti che la circondano sono ombreggiati e freschi, c'é anche una fontana con acqua fresca.
     Dopo una breve sosta...

     Sabato 10 Giugno - V Tappa da Marina di Massa a Lucca
     Oggi la tappa è più breve, dopo un'abbondante colazione ci rechiamo al centro cittadino di Massa, la piazza ed il Duomo sono un trionfo di marmo, una rapida occhiata in giro e poi ci avviamo verso Camaiore.
     La strada corre lungo bellissimi viali alberati, il cielo è sereno e la temperatura ideale, pedaliamo abbastanza veloci.
     Presso il comune di Camaiore chiediamo informazioni per pernottare a Lucca, le prenotazioni sono infatti finite, ora dobbiamo cercare alloggio ogni giorno, soltanto a Roma con l'ottimismo di Rosanna si è prenotato per Sabato 17; dal Municipio non otteniamo notizie, non sono collegati, forniscono solo cartine stradali.
     Proseguiamo verso il Passo di Monte Magno, salita non difficile in gran parte ombreggiata, molti ciclisti ci sorpassano, salutano ed incoraggiano, solidarietà ciclistica.
     Prima di scollinare ci fermiamo davanti al monumento in cemento che raffigura Giorgio Gaber con tanto di chitarra, dopo tanti Santi ed Eroi visti nelle varie piazze vedere un cantautore rasserena l'animo.
     Ci fermiamo poco dopo il Colle per il solito...

     Mercoledì 14 Giugno - IX Tappa da Montalcino a Bolsena
     Vista la lunghezza della tappa di oggi ci prepariamo di buon mattino, lasciamo Montalcino verso le 08:30.
     Nella discesa l'aria é piuttosto fresca, ci copriamo con i gilet, raggiungiamo la Cassia, non c'è traffico e si pedala bene, il cielo è di un bell'azzurro, la strada all'inizio si presenta a saliscendi e poi... lentamente in salita, ci immette nel tunnel di Radicofani; alta si erge la Rocca dove l'antica Via Francigena percorre il Passo, oggi scartato dal traffico e anche da noi.
     Intorno predominano ampie distese di grano.
     Dieci chilometri dopo l'uscita dal tunnel (1500 metri per fortuna illuminati) entriamo nella regione Lazio.
     Proseguiamo con brevi soste fino ad Acquapendente (pendente ma in salita impegnativa), è la prima città del Lazio, sostiamo per il consueto spuntino in un fresco giardino pubblico.
     Un bel monumento in bronzo sopra ad una fontana raffigura Ilaria Alpi e Maria Grazia Cutuli, le giornaliste assassinate per il loro impegno alla ricerca della verità; una scritta di Primo Levi è incisa su di una targa anch'essa in bronzo e posta sotto lo scorrere dell'acqua... purtroppo, non si riesce a leggere, è un bel ricordo di queste eroine moderne.
     Attraversiamo Acquapendente, all'uscita entriamo nella Basilica del Santo Sepolcro...

     Le tappe
N. PERCORSO KM/PARZ. KM/TOT.
01 Gaglianico - Pavia 116,00 116,00
02 Pavia - Fidenza 105,00 221,00
03 Fidenza – Berceto 69,00 290,00
04 Berceto - Marina di Massa 89,00 379,00
05 Marina di Massa - Lucca 63,00 442,00
06 Lucca - San Gimignano 86,00 528,00
07 San Gimignano - Siena 42,00 570,00
08 Siena - Montalcino 48,00 618,00
09 Montalcino - Bolsena 85,00 703,00
10 Bolsena - Civita - Bolsena 30,00 733,00
11 Bolsena - Sutri 70,00 803,00
11 Sutri - Roma 60,00 863,00

     Conclusione
     Non mi pare interessante scrivere dei due giorni di visita alla città di Roma, solite camminate in una marea di turisti: la Santa Messa in San Pietro ed il mescolarsi tra la folla per la benedizione del Papa (vissuta da molti come evento turistico), la visita interessante a Castel Sant'Angelo, alle varie Piazze, ai Monumenti ed alle Basiliche; tutto bello ma molto faticoso e normale.
     Il ritorno in treno con il trasporto biciclette è stato pure faticoso, per i cambi di treno con i sottopassaggi non certo agevoli per i ciclisti, per le coincidenze a rischio, tutto alla fine ha funzionato.
     A Biella ci attende la nostra amica Graziana, bella e gradita sorpresa, ci invita a cena dal lei, accettiamo con molto piacere.
     Altri amici ed i figli ci invitano per le serate seguenti o ci vengono a salutare, tutti sono interessati al racconto del nostro viaggio, tutti si interessano del nostro stato di salute fisico, dubitando forse di quello mentale.


TORNA HOME PAGE TORNA A IL CANTASTORIE